Tempo di lettura stimato: 8 minuti

Come lo stato nazista incorpora le spoliazioni dei beni degli ebrei.

Nel Terzo Reich i cittadini ebrei sono deliberatamente umiliati, perseguitati e assassinati. Lo stato nazista assorbe i loro beni, terreni, aziende e persino i loro effetti personali. Le spoliazioni dei beni degli ebrei diventano uno strumento, per realizzare un proficuo ritorno economico a favore dello Stato e dei cittadini tedeschi. Per conseguire tutto ciò le autorità fiscali commissionano ai banditori la messa all’asta dei beni degli ebrei. Le aste sono pubbliche e partecipate da un’ampia parte della popolazione tedesca che in maniera diretta o indiretta ne trae beneficio e si rende complice del processo di spoliazione.

Nel Terzo Reich, le autorità finanziarie dello stato nazista sono le responsabili più importanti nel complesso processo di saccheggio degli ebrei tedeschi. La legislazione statale prevede una repressione sempre più severa, con lo scopo di dare alla espropriazione un aspetto di legalità. In qualità di braccio esecutivo del regime nazista, i funzionari fiscali delle autorità regionali e locali del Ministero delle finanze del Reich o del Fondo finanziario del Reich organizzano la raccolta dei beni e l’utilizzo dei beni.

Le misure di esproprio graduale e sistematico includono tassazioni fiscali sempre più elevate, il blocco e la confisca dei beni e dei beni degli emigranti, tasse speciali come la tassa sulla proprietà ebraica e infine la confisca e l’utilizzo dei beni delle vittime della deportazione.

Chi vuole fuggire deve pagare.

Una delle più importanti fonti di reddito per lo stato nazista è sin dall’inizio la tassa di emigrazione.
La “Reichsfluchtsteuer” “Tassa di emigrazione” introdotta nel 1931 viene utilizzata specificatamente contro gli emigranti ebrei. L’esenzione fiscale è ridotta da 200.000 a 50.000 Reichsmark. La legge obbliga gli ebrei emigranti a rinunciare al 25% del loro patrimonio rimanente. Il resto può essere scambiato solo con valuta estera con pesanti perdite fino al 50%.

Supplemento del 100 percento.

Diventa sempre più difficile portare con se oggetti privati ​​quando si lascia il paese. Sebbene molte famiglie possano imballare i loro effetti personali e portarli in porti come Amburgo o Bremerhaven, sono già così finanziariamente gravati quando se ne vanno, che non possono più permettersi di spedirli. Tra la fine di aprile e inizio maggio 1938, gli ebrei che emigrano possono portare con sé oggetti per la casa solo se lo stato lo ha approvato. L’imposta del 100% è dovuta per gli articoli acquistati dopo il 1933 e questo significa ricomprare l’oggetto. Molti emigranti ebrei non possono e non vogliono pagare la tassa. Molti contenitori con mobili e oggetti dei migranti ebrei vengono lasciati nei porti tedeschi e vengono confiscati dall’ufficio doganale competente. Dal febbraio 1941 questi contenitori saranno aperti e il loro contenuto sarà messo all’asta.

Le prime aste sulle spoliazioni dei beni degli ebrei.

A seguito del pogrom della notte tra il 9 e 10 novembre 1938 “La notte dei Cristalli”, sono emanate numerose ordinanze per privare i cittadini ebrei di qualsiasi mezzo di sostentamento. Devono vendere le loro attività, le loro proprietà e depositare tutti i titoli presso una banca del Reich. Inoltre gli ebrei, per ripagare i danni “Della notte dei Cristalli”, devono effettuare un “Pagamento espiatorio” “Sühneleistung” del valore complessivo un miliardo di Reichsmark. Il pagamento espiatorio rappresenta il 20% del patrimonio di ogni ebreo. Qualora agli ebrei manchi il contante necessario essi possono pagare con oggetti artistici o di valore, divise estere, valori immobiliari. Il buon afflusso di pagamenti convince il Ministero delle Finanze che decide di aumentare la tassa del 5%. Il pagamento espiatorio frutta alle casse naziste un milardo e centomila Reichsmark.

Poiché diventa sempre più difficile guadagnare denaro, gli ebrei tedeschi sono costretti a vivere di risparmi o vendere la loro proprietà privata. Nei momenti di bisogno, molti ebrei si rivolgono alle case d’asta per guadagnare denaro dalla loro proprietà privata rimanente. Per le case d’asta è un vero affare. Mentre la repressione contro i cittadini ebrei si intensificava, le entrate delle case d’asta aumentano notevolmente.

Una nuova dimensione di sfruttamento: le “aste ebraiche”.

Le “aste ebraiche” con lo scoppio della guerra e le deportazioni di massa iniziate nel 1941 assumono una dimensione completamente nuova: l’espropriazione dei deportati nei campi di sterminio viene chiamata “Azione 3” “Aktion 3”. Lo stato nazista incamera circa 778 milioni di RM sui restanti beni. Secondo le proiezioni dei registri delle case d’asta, le meglio conosciute “Aste pubbliche” di articoli per la casa, vestiti e stoviglie apportano circa 300 milioni di RM.

Mobili, biancheria da letto, vestiti, giocattoli: proprietà ebraica sotto il martello.

Ovunque nel Reich, in ogni città e villaggio in cui vivevano gli ebrei, le spoliazioni dei beni finiscono sotto il martello dei battitori d’asta, di solito subito dopo la loro deportazione e documentati con precisione. I banditori registrano meticolosamente ogni vendita di ex proprietà ebraica tra il 1933 e il 1944. Innumerevoli elenchi contengono gli oggetti lasciati dagli ebrei emigrati e deportati: letti e armadi, tavoli e sedie, biancheria da letto, vestiti, strumenti musicali e giocattoli, e i loro rispettivi prezzo.

Spedizionieri, magazzinieri, locatori: tanti vantaggi.

Il procedimento è quasi sempre lo stesso: dopo che i residenti hanno lasciato il loro appartamento, la Gestapo consegna le chiavi agli ufficiali fiscali. Solitamente si stabilisce a priori quali arredi sono a beneficio delle autorità naziste. Armadi e scrivanie vanno alle autorità amministrative, libri alle biblioteche e articoli per la casa al welfare popolare nazionalsocialista. Gli oggetti rimanenti vengono solitamente valutati dal banditore e poi messi all’asta dall’appartamento o da una sala d’aste.

Le SS o l’Oberfinanzdirektion attraverso le aste rastrellano denaro a beneficio del Tesoro del Reich “Reichsfinanzkasse”. Ne traggono vantaggio anche spedizionieri, gestori di magazzino e proprietari. Ogni movimento, ogni articolo, ogni acquirente, ma anche i costi di noleggio, le commissioni e il trasferimento alla Reichsfinanzkasse sono meticolosamente documentati nei registri delle aste, inclusa la commissione del dieci percento dei proventi per il banditore.

  • spoliazioni dei beni degli ebrei
    Queste immagini appartengono a una serie unica che è stata recentemente scoperta nell'archivio della città di Lörrach: nel centro della città di Lörrach il 22 ottobre 1940, gli ebrei si sono recati al "punto di raccolta" della Alten Handelsschule.

A caccia di affari per “cose ​​ebraiche”.

I beni spoliati agli ebrei sono venduti tramite asta, utilizzando innumerevoli annunci economici sui giornali. Possiamo quindi dedurre che queste aste non sono avvenute in segreto, ma in pubblico, come grandi eventi locali e popolari. Spesso gli annunci pubblicizzano apertamente “cose ​​ebraiche” o mobili di “proprietà non ariana” i cui prezzi sono molto inferiori al valore effettivo. Ci sono poi gli annunci finalizzati a determinati gruppi di popolazione, ad esempio gli sposi novelli o le vittime di bombe. Le aste sono così, vere e proprie cacce all’affare e ciascuno degli acquirenti è pienamente consapevole che gli ex proprietari non torneranno mai più. 

La “M-Aktion”: mobili provenienti dalle spoliazioni degli ebrei per tedeschi bombardati.

La distruzione delle città tedesche causata dai bombardamenti alleati è strettamente correlata alle deportazioni e alle aste pubbliche. Con lo spazio abitativo sempre più distrutto, il bisogno di arredi è di nuovo in aumento. Inizialmente, le città nel nord e nell’ovest del Reich tedesco sono bersaglio dei bombardieri alleati e questo è uno dei motivi per cui le deportazioni e lo “sgombero” delle case ebraiche iniziarono a ovest. 

Tuttavia, i mobili degli ebrei tedeschi presto non sono più sufficienti. Dal 1942, quando i bombardamenti sulla Germania furono massicciamente intensi, iniziò il saccheggio degli appartamenti nell’Europa occidentale occupata. Parte la cosiddetta “M-Aktion” “Promozione del mobile”. A fine marzo del 1945 è istituito a Parigi l’Ufficio Ovest per la “M-Aktion”. Gli appartamenti lasciati dagli ebrei in Francia e nei paesi del Benelux vengono sgombrati.
Già nel 1944 un milione di metri cubi di mobili sono trasportati, dalle quasi 70.000 “case ebraiche non custodite”, al Reich tedesco tramite depositi di raccolta. Le regioni tedesche dell’ovest e del nord, colpite duramente dai bombardamenti alleati, ricevono gran parte delle forniture. Sono vendute a buon mercato ai cittadini vittime delle bombe rendendoli di fatto complici del processo di spoliazione a danno degli ebrei.

Come trasformare i cittadini tedeschi in complici

La vendita all’asta di oggetti privati, mobili e indumenti lasciati negli appartamenti degli ex residenti è la fine del processo di spoliazione dei beni degli ebrei ed è collegata alla fuga o la morte di una o più persone. La massiccia offerta a prezzi bassi, dei beni degli ebrei, ha una funzione “Socio-Politica” e “Legittimante”. Da una parte vi è la necessità a dare sostegno materiale ai cittadini tedeschi bisognosi, dall’altra il regime nazista li coinvolge nel processo di espropriazione e quindi li rende complici legittimando indirettamente le proprie azioni crudeli.

Immagine di copertina: L’asta della proprietà privata degli ebrei attira molte persone siamo nella cittadina di Lörrach 1940. Diritti di immagine: Stadtarchiv Lörrach